Magnetoterapia, guida su quale apparecchio scegliere

Magnetoterapia quale scegiere

La magnetoterapia usa campi elettromagnetici per curare alcune patologie. Consiste in un dispositivo elettronico che emette campi elettromagnetici che vengono trasferiti al paziente tramite determinati applicatori.

A seconda del disturbo riscontrato, infatti, si usano frequenze diverse: quelle basse stimolano l’attività biologica dei tessuti, mentre le alte hanno effetto analgesico.

La magnetoterapia è anche molto usata per stimolare la formazione di nuovo tessuto nelle fratture delle ossa. (Fonte: Focus.it e i-Tech)

Applicatori per magnetoterapia
Applicatori per magnetoterapia

Storia della magnetoterapia

Sebbene vi siano informazioni secondo le quali i magneti sono stati utilizzati fin dall’antichità per trattare diverse malattie, soprattutto quelle che presentano processi infiammatori come l’artrite, la magnetoterapia inizia a svilupparsi a partire dal secolo XIX, quando compaiono i primi progressi nello studio dell’elettromagnetismo.

Le più grandi scoperte si devono a personaggi come Faraday, Hertz e Gauss che, fra gli altri, ne favorirono lo sviluppo. La magnetoterapia deve comunque aspettare fino al secolo XX per mostrare tutte le sue potenzialità, grazie all’avvento dei microprocessori e delle ricerche spaziali, che contribuiranno a collocare questa terapia in una posizione privilegiata fra le varie possibilità di trattamento e recupero di patologie come osteoporosi, reumatismi, tendiniti, fratture e ogni tipo di processo infiammatorio.. (Fonte: iTech)

A cosa serve la magnetoterapia?

La magnetoterapia agisce a livello cellulare ripristinando l’equilibrio energetico della cellula stessa. Tutte le cellule, infatti, sono dotate di energia; quando le cellule si ammalano, per un’infezione o un trauma o qualsiasi altra causa, perdono parte della loro carica energetica. Lo scopo della magnetoterapia è quello di ripristinare la carica elettrica al fine di ripristinare l’equilibrio fisiologico della cellula (Biostimolazione cellulare).

Questo avviene tramite la pulsazione del campo magnetico che viene attivato e spento in rapida sequenza, “ricaricando elettricamente” la cellula con un meccanismo che la “condiziona”  stimolandola con una sequenza di campi magnetici che le cedono energia.

Le modificazioni biologiche indotte dai campi magnetici sulle membrane biologiche, sulle cellule e sui vasi determinano effetti terapeutici di vario tipo: antinfiammatorio, antiedemigeno e stimolante della riparazione tissutale.

Il rilassamento della muscolatura, ottenuto con la magnetoterapia, contribuisce a sua volta a migliorare la microcircolazione, le fibre lisce si rilassano e si produce un effetto di vasodilatazione, il rilascio di endorfine contribuisce ad elevare la soglia del dolore, ed una leggera iperemia produce un effetto antinfiammatorio.

I principali effetti della magnetoterapia

  • Osteogenesi: la magnetoterapia stimola l’attività delle cellule responsabili della rigenerazione del tessuto osseo. Per questo la magnetoterapia, in particolare quella a bassa frequenza, è indicata per tutte le patologie a carico del tessuto osseo, come l’artrosi o l’osteoporosi.
  • Effetto antalgico: il rilassamento del tessuto muscolare decomprime i tessuti adiacenti, la soglia del dolore si alza, la circolazione migliora avendo diminuito la pressione sulle arteriole e le venule e tutto ciò che contribuisce a frenare il processo infiammatorio.
  • Effetto rilassante sulla muscolatura liscia e striata: agisce sulle contratture muscolari, rilassando le fibre e allo stesso tempo decomprimendo le articolazioni su cui agiscono i muscoli interessati, liberandole da un’eccessiva pressione.

Applicazioni terapeutiche della magnetoterapia

  • Osteoporosi
  • Fratture
  • Cervicalgia
  • Distorsioni
  • Contratture muscolari
  • Dolori lombo-sacrali
  • Osteonecrosi
  • Artrosi/artriti
  • Ritardi di calcificazione
  • Algodistrofia
  • Epicondilite/Epitrocleite
  • Dolori muscolari
  • Reumatismi

Le patologie appena elencate rientrano nei trattamenti riconosciuti dal Ministero della Salute a fini terapeutici e quindi inclusi nei piani di marcatura CE dei dispositivi per magnetoterapia. (Fonte: i-Tech)

Quale apparecchio per magnetoterapia scegliere?

Una prima scrematura può essere effettuata assicurandosi che il dispositivo che si intende acquistare abbia il certificato CE, rilasciato dall’ente autorizzato dal Ministero della Salute.

In seconda istanza dovremo scegliere l’apparecchio ce ci interessa a seconda dell’utilizzo per cui ne abbiamo bisogno, e la spesa che vogliamo affrontare.

L’apparecchio per magnetoterapia Magneto Base Plus della LED si posiziona come un’ottima scelta per il rapporto qualità/prezzo. Utile sia per i professionisti che per la terapia domiciliare, di facile trasporto grazie alla valigetta inclusa, permette il collegamento di due trasduttori di campo magnetico, provvisti di asole per il fissaggio tramite fasce elastiche.

Magnetoterapia LED BASE con accessori
Magnetoterapia LED BASE con accessori

L’apparecchio portatile per magnetoterapia ad alta frequenza i-Tech MAG 1000 si configura ancora di più verso la portabilità, grazie alle sue dimensioni ridotte. Presenta inoltre ben 20 programmi preimpostati che consentono di agire sulle più svariate patologie, semplicemente selezionando il programma con la frequenza desiderata.  Possono essere collegate fino a 2 fasce terapeutiche.

Magnetoterapia ad alta frequenza iTech MAG 1000
Magnetoterapia ad alta frequenza i-Tech MAG 1000

Infine per i più esigenti consigliamo la Magnetoterapia professionale i-Tech MAG 2000 Plus, a bassa frequenza e alta intensità, dotato di 20 programmi preimpostati identificati dal nome delle patologie più comuni (osteoporosi, periartrite etc), 14 programmi identificati dalla frequenza di lavoro (da 1 a 100 Hertz) e un programma Autoscan a variazione continua di frequenza per il trattamento di tessuti molli e tessuti duri nella stessa seduta di terapia.

Presenta inoltre la possibilità di impostare e mantenere in memoria 10 programmi utente, personalizzabili per intensità del campo magnetico e frequenza di lavoro (fino a 120 Hertz)

Fornita con

  • Applicatore a due bobine e fascia a tre solenoidi
  • Alimentatore medicale
  • Manuale d’uso e posizioni fascia
  • Una busta di protezione PVC
  • Borsa per il trasporto

Magnetoterapia professionale i-Tech MAG 2000 Plus
Magnetoterapia professionale i-Tech MAG 2000 Plus